• Flavio Pagano - "La vita e' come una palla da rugby, non puoi mai sapere come sara' il suo prossimo rimbalzo."

Palextra Olympia Open Days!

Dal 1 settembre al 13 settembre 2008, la Palextra Olympia di Crescentino, partner dell'Isana Rugby Club, offrirà a tutti due settimane gratuite dove sarà possibile provare nella sua palestra corsi di fitness come: fit boxe, aerobica, G.A.G, circuito addominali, circuito glutei, ginnastica dolce, spinning, tonificazione (tone-up), danza e balli, karate, kraw maga, difesa personale, kettle ball, yoga, stretching, body building e molto ancora! (saranno disponibili spogliatoi e docce)

La Palextra Olympia, oltre 800mq di ambiente climatizzato, dotata di attrezzature technogym, offre vari tipi di abbonamento, per ogni esigenza: mensile, trimestrale, semestrale o annuale, con rate mensili tutto compreso (spogliatoio e docce per tutti i corsi!).
Dal lunedì al venerdì orario continuato dalle 9.30 alle 22.00, sabato 9.30 - 12.30 / 15.00 - 18.00.
Un elegante club dove il fitness sposa il wellness!
Palextra Olympia, Via Vercelli, Tel. 0161842351

ASD Brusasco

Ringraziamo l'ASD Brusasco per lo scambio di link e per la disponibilità per eventuali future collaborazioni.
E' un'associazione sportiva di Brusasco che si occupa di Pallapugno, Tamburello, Pesca Sportiva, Calcetto e Beach Volley.
Dal 3 al 14 settembre organizzano un torneo di beach volley, ed e' curioso che tra le squadre iscritte ce ne sia anche una con il nome "All Blacks", come la nazionale di rugby della Nuova Zelanda.
Ecco l'indirizzo del loro sito web, www.asdbrusasco.it, visitatelo!

Articoli su "La Sesia" (26/08/2008) e su "La Nuova Periferia" (27/08/2008)





Il Rugby, uno sport aperto a tutti
L'isana Club riparte con allenamenti ed iscrizioni, il sogno nel cassetto: creare un settore giovanile
Crescentino - Non ha ancora un'anno di vita ma ha già raccolto il consenso di circa 50 persone. E' l'isana Rugby Club di crescentino che, dopo la pausa estiva, mercoledì 3 settembre riprende gli allenamento al campetto adiacente alla caserma dei carabinieri e riapre le iscrizioni (il costo del tesseramento è di 25 euro).
"Questo sport è aperto a tutti, anche alle donne. Il nome "rugby" viene utilizzato per vari sport, tutti molto simili tra di loro, con caratteristiche di base in comune, ma con regole proprie - spiegano Claudio Momo ed Andrea Pancotti, prima colleghi nel lavoro e compagni di squadra nelle file dell'Ivrea Rugby, ed oggi anche fondatori del club crescentinese - Al campetto ci e' permesso l'uso dello spogliatoio con annesse due docce, ma presto dovremmo riuscire ad avere uno spazio nei campi della Crescentinese calcio". "le società di rugby più vicine sono lontane da Crescentino: Ivrea, Vercelli, Settimo Torinese. Se poi c'è nebbia, passa la voglia di farsi più di 60 chilimetri, e si rischia di stare più tempo in automobile che in campo" concludono Momo e Pancotti, ricordando che "ogni mercoledì c'è la possibilità di inserirsi alla scuola di rugby anche solo per capirne di più". "nella stagione 2008-2009 non organizzeremo un campionato come squadra ma, grazie ai saldi rapporti con lIvrea Rugby, il vercelli ed il San Mauro Rugby cercheremo di far provare ai nostri giocatori un'esperienza altrettanto significativa. Inoltre, ci stiamo organizzando per andare ad assistere alla partita Italia - Argentina che si terrà il 15 novembre allo stadio olimpico di Torino" aggiunge Pancotti che svela anche un sogno nel cassetto: "Vorremo proporre questo sport nelle scuole e creare anche un settore giovanile". Per ulteriori informazioni si puo visitare il sito internet www.isanarugby.com oppure contattare il numero 3922866949. (f.c.)

Grazie a La Sesia e grazie alla gentilissima Franca Cena!
E grazie anche a La Nuova Periferia, che ha riportato l'articolo sul loro sito web, e ancora un miliardo di grazie a Franca!

Il rugby alle olimpiadi!

Riporto un'articolo apparso su lastampa.it, dove si spiega perchè il rugby non sia presente alle olimpadi:

"Si dice che a Pierre de Coubertin l’idea dei Giochi olimpici, quelli suoi in versione moderna dal 1896 in poi, gli sia venuta conquistato dal rugby. E allora perchè questo grande sport non c'è, alle Olimpiadi di Pechino? Ho chiesto a Marco Pastonesi, giornalista della “Gazzetta dello Sport” autore di “Ovalia, il dizionario erotico del rugby” (ed. Baldini Castoldi Dalai), oltre che ex giocatore e grande appassionato di rugby, come mai. Mi ha risposto così, via email:

«E pensare che Pierre de Coubertin, il barone: innamorato perso del rugby. Si dice che l’idea dei Giochi olimpici, quelli in versione moderna, quelli dal 1896 in poi, insomma quelli suoi, gli sia venuta conquistato dal rugby. Per forza: dentro c’era tutto. Il più veloce (citius, a cominciare dalle ali), il più alto (altius, come le seconde linee), il più forte (fortius, qui c’è solo l’imbarazzo). Perdipiù dilettanti, ma dilettanti in senso talebano, rigorosissimo, esagerato. Fatto sta che alla seconda edizione, Parigi, 1900, il rugby c’era: prima la Francia, seconda la Germania. E si racconta che il barone abbia fatto anche l’arbitro. Poi nel 1908, a Londra: prima l’Australia (la Nazionale era soprannominata “Rabbits”, conigli, poi da un referendum sui giornali inglesi venne scelto “Wallabies”, canguri: meglio), seconda l’Inghilterra (o meglio il club Cornwall, che aveva appena vinto il campionato). Poi nel 1924, a Parigi: primi gli Stati Uniti, seconda la Francia, terza la Romania. Poi, da allora, fine del rugby olimpico: tant’è che – volendo - gli Stati Uniti possono essere considerati ancora come i campioni in carica.

Tecnicamente c’è una sola ragione per cui il rugby non è più stato sport olimpico: un torneo a 16 squadre (meno del minimo, secondo i canoni applicati nelle altre discipline) durerebbe troppo. Perché ci vorrebbero quattro turni (ottavi, quarti, semifinali e finali), ma tra un turno e l’altro sarebbero necessari almeno quattro o cinque giorni di riposo e recupero. Così si è pensato di sostituire il rugby a XV (la tradizione impone il numero romano: comunque 15 contro 15) con il rugby a 7 (in questo caso per convenzione si scrive così: comunque 7 contro 7). Ma si tratta di un altro sport: per filosofia, per spirito, per strategia. La stessa parentela, ma anche la stessa distanza, che passa fra calcio e calcetto.

Ci sarebbe anche un’altra ragione, economica: l’International Rugby Board, “quei parrucconi” della federazione internazionale, è già abbastanza ricca con la sua Coppa del mondo, e poi con il suo Sei Nazioni, e poi con il suo Tri-Nations»."

The Bobbies in concerto!

Stefano aka Captain Woofer ci segnala che i "The Bobbies", cover band dei Police e di Sting, suoneranno all' oratorio di Saluggia venerdì 5 settembre 2008 alle ore 21 circa.
Sarà un'ottima occasione per farci pubblicità con un po' di sano volantinaggio!

Aggiornamento attivita' del club

Bene, ecco il primo post dopo il ritorno dalla ferie con alcuni aggiornamenti!
In collaborazione con la pizzeria "Il Portico" stiamo facendo un po' di cappellini ricamati con il nostro logo da vendere a circa 10€.
In collaborazione con "La Taverna del Borgo" e la "Palextra Olympia" stiamo preparando della magliette da vendere al prezzo di 5€.
Grazie a "Synthesis3" stiamo facendo un set di maglie da gioco.

Gli allenamenti riprendono il 3 Settembre 2008 alle 18.30, sempre presso il campetto vicino ai Carabinieri a Crescentino.

E ci serve una mano da parte vostra, fateci pubblicità, e portate più gente possibile al campo!

Coppa Italia L.I.T.R. - Touch Rugby

"E' con immenso piacere ed orgoglio che la Lega Italiana Touch Rugby Vi invita a partecipare alla "Coppa Italia L.I.T.R." primo storico torneo ufficiale nazionale di Touch Rugby che si terrà il giorno sabato 23 agosto 2008, presso il campo di Rugby Augusteo, di via Maganza 17, ad Este, Padova.

Alla giornata dedicata al torneo ne seguirà un'altra, domenica 24 agosto, tutta all'insegna della preparazione didattica mirata alla formazione di arbitri nazionali di Touch Rugby.

Tale evento sportivo, organizzato dalla Lega Italiana Touch Rugby in collaborazione con il club " C'è l'Este Rugby" e sponsorizzato da "32 Via dei birrai" Birrificio Artigianale, da "Mitre" della quale utilizzeremo i palloni "Pro-Touch", e da "Decathlon - il negozio degli sportivi" si svolgerà con il seguente programma:

sabato 23

09:30 - accoglienza atleti e squadre
10:30 - inizio prima parte del torneo "Coppa Italia L.I.T.R."
13:00 - pranzo
16:00 - inizio seconda parte del torneo "Coppa Italia L.I.T.R."
19:30 - fine manifestazione
20:00 - terzo tempo, cena e premiazioni

domenica 24

10:00 - corso arbitri nazionali Touch Rugby

Il costo della partecipazione al torneo è di 15€ ad atleta. La somma totale dovrà essere raccolta da un Vostro responsabile che avrà anche il compito di confermare la Vostra presenza fornendo i dettagli delle adesioni entro e non oltre il 10 agosto 2008.
Vista l'adesione da parte di club stranieri, il torneo "Coppa Italia L.I.T.R." vedrà una squadra vincitrice tra tutte (italiane e straniere) ed una squadra classificatasi prima tra i soli team italiani: la vincitrice della prima Coppa Italia L.I.T.R.!

Una premiazione speciale andrà a quella che è stata già eletta come la migliore organizzazione 2008 per un torneo di Touch Rugby il cui nome verrà svelato nel corso delle premiazioni.
A votarla ed a decretarne la vittoria, sono stati i partecipanti stessi a tali tornei, gli atleti quindi, da sempre i primi ad essere interessati. Questo è stato reso possibile grazie alle interviste raccolte nel corso delle varie manifestazioni patrocinate dalla stessa L.I.T.R. che oltre a permetterci di trovare un pretesto in più per festeggiare offriranno la possibilità a tutti noi di seguire strade sempre migliori e sempre più mirate alla soddisfazione di ognuno, a partire dal singolo atleta terminando con i vertici delle società passando per il pubblico che ci auguriamo ad ogni incontro più numeroso!

Ed è proprio per il raggiungimento di questo obiettivo che invitiamo caldamente TUTTI Voi organizzatori ad accompagnare i Vostri tecnici in questo incontro così da discutere e stabilire le future linee guida
per la prossima stagione di Touch Rugby.

Un caloroso saluto in attesa di averVi qui con noi da parte di tutto lo staff L.I.T.R.!

A presto!

Aristea Tarani"

Sito della Lega Italiana Touch Rugby: http://www.litrugby.it/
Potremmo valutare se andare almeno a vedere!

31 Luglio 2008 a Morgex (Ao)

Le foto fatte a Morgex, durante l'allenamento della nazionale di rugby da Davide M., Cristian A. e Andrea F.! Dovrebbe mancare solo piu' un set di fotografie.
Assistere all'allenamento e' stato molto interessante, e sono stati ribaditi i concetti come correre per linee verticali, guardare il compagno a cui stiamo passando la palla, chi vuole riceverla deve fare vedere le mani, etc...
Abbiamo visto anche alcuni esercizi molto utili per sviluppare questi concetti, anche se però prima dobbiamo procurarci qualche sacco da placcaggio e qualche scudo aggiuntivo.



Foto: Davide M.

Foto: Cristian A.

Foto: Andrea F.

Morgex (Ao), 31 luglio 2008

Ecco i filmati dell'allenamento della nazionale italiana di rugby al raduno estivo di Morgex, in Valle d'Aosta.